Castellano


Castellano è un piccolo e caratteristico paese del Trentino, situato nella Vallagarina centrale sulla sponda destra del fiume Adige ad una altitudine di 800m. E’ una delle tre frazioni del Comune di Villa Lagarina, possiede una popolazione di circa 600 abitanti e una collocazione prestigiosa rispetto alla vallata.

E’ uno dei paesi più elevati della Vallagarina, che alla posizione montana estremamente panoramica, unisce un confortevole clima, favorito dall’ottima esposizione solare, in ambiente prealpino, ideale anche per un soggiorno di completo relax. Allungato sui terrazzamenti morenici a ridosso della catena montuosa sovrastante è meta di numerosi turisti ed escursionisti indirizzati al Lago di Cei, Passo Bordala o alle cime: Monte Stivo, Cima Bassa, Cima Alta, Becca, Monte Cornetto. Castellano è un paese pittoresco, che mantiene il volto rustico – signorile con inserti medioevali dell’epoca passata, case a corte, antichi portali, numerose fontane e qualche scultura popolare in pietra.



I nomi delle sue contrade e vie, che dal piatto altipiano della chiesa risalgono verso il pendio, contengono varie tipologie di voci: storica (Lodron, Zambela), geografica (Fontanello, Daiano), funzionale (Torchio), abitativa (Miorandei), poetica (don Zanolli), toponoma (Linar, Roz, Peer), montuosa (Monte Stivo), valliva (Cavazzim), memoriale (Caduti) panoramica (Belvedere). Operante sul territorio è la Famiglia Cooperativa, valido servizio alimentare per la popolazione. E’ presente anche la filiale della cassa Rurale di Rovereto con sportello giornaliero e servizio Bancomat. Inoltre altri piccoli servizi e strutture sono a disposizione della comunità, il teatro, la pesa, il bar, la scuola materna, i parchi giochi. Le tradizioni che si sono tramandate di padre in figlio sono quelle della fienagione, praticata sui numerosi prati che circondano il paese, dell’agricoltura, del taglio della legna, per utilizzare nei rigidi inverni, dei prodotti caserecci, della frutticoltura. Particolare attenzione va alla produzione di un eccellente vino bianco, il Mùller Thurgau di Nambiol, riferito al toponimo della zona, coltivato nelle campagne sottostanti il paese.