Un po' di storia della nostra Pro Loco

L’associazione Pro Loco Villa Lagarina Castellano Cei svolge la sua attività fin dal 1951 ed è nata dall’intuizione di alcuni volontari locali che avevano individuato nel turismo, e quindi nell’abbellimento dei luoghi una risorsa di sviluppo economico del territorio che in quel periodo versava in grande difficoltà.
Oggi le condizioni sono radicalmente cambiate ma i principi fondanti sono rimasti ancora validi. Ci troviamo a dover affrontare problematiche diverse e ad agire in ambiti diversi previsti comunque dallo statuto. È nata cosi la necessità di promuovere iniziative ed attività di interesse ricreativo sportivo e culturale nonché sensibilizzare la popolazione per sviluppare l’ospitalità ed il rispetto dell’ambiente. È altrettanto importante offrire occasioni di incontro e riflessioni su tematiche di interesse della comunità, promuovere il rispetto e la valorizzazione delle tradizioni storiche locali, riscoprire e salvaguardare località o ambiti significativi dal punto di vista ambientale e creare momenti di svago e divertimento. Se si riesce a realizzare tutto questo, riteniamo sia anche piacevole abitare nella propria località. Se gli abitanti traggono da queste attività soddisfazione e interesse penso che la Pro Loco abbia già realizzato un’autentica promozione del territorio. Riproponiamo una breve cronistoria delle iniziative principali effettuate dalla Pro Loco nel corso di questi 60 anni: Come risulta dal primo verbale della nascente associazione, redatto a Villa Lagarina il 30 agosto 1951, “il giorno 28 agosto 1951, ad ore 20.30, nella sala maggiore dell’Albergo al Ponte di Villa Lagarina, è stata indetta una riunione [...] allo scopo di formare una Associazione legale alle dirette dipendenze dell’Ente Per il Turismo della Provincia.”


Scopo principale della allora nascente Pro Loco era quello di promuovere il turismo sul territorio del Comune di Villa Lagarina. I 47 presenti-simpatizzanti approvarono all’unanimità la costituzione dell’associazione, e approvarono articolo per articolo il primo “statuto sociale dell’Associazione Pro Loco del Comune di Villa Lagarina”. Immediatamente dopo vi furono le prime votazioni per il direttivo sotto la presidenza di Marzani Pietro con scrutatori Leoni Mario e Dacroce Rino. Il risultato dell’elezione fu il seguente:

  1. Eccher Nino - voti 37
  2. Probizer dr.Ruggero - voti 34
  3. Colorio ing.Alighiero - voti 34
  4. Galvagnini Cornelio - voti 32
  5. Kiningher architt. Mario - voti 31
  6. Manica Domenico inseg. - voti 29
  7. Cipriani Giuseppe - voti 28
  8. Prosser dr.Leo - voti 26
  9. Dorigotti Giuseppe (sindaco) - Membro di Diritto



Nei primi anni di attività la Pro Loco ha promosso delle feste campestri al Lago di Cei con elezione di “Miss Lago di Cei”.
Nel 1962 a Castellano, su iniziativa dell’associazione, è stato realizzato il marciapiede lungo il Viale Lodron.
Nel 1965 è stata effettuata la tinteggiatura della “Cappella dei caduti” e del “Capitello della Madonna dei Zengi” con posa di una targa.
Nell’anno 1971 è stato realizzato dalla Pro Loco il giardino al “Barc” davanti il castello (fontana con zampillo). Nel 1972 è stato costruito al lago di Cei uno “zatterone” per poter effettuare la pulizia del lago.
Nel 1973 su iniziativa della Pro Loco è stata ampliata la spiaggia al lago di Cei. Tale iniziativa ha suscitato numerose polemiche da parte degli ambientalisti e anche da parte dei proprietari privati confinanti con il lago.
Nel 1974 al Lago di Cei in loc. “Prajol” è stata installata un’antenna ripetitore TV per ricevere i programmi RAI.
In quegli anni si inizia a parlare di una eventuale possibile protezione naturalistica della zona di Cei. In particolare si ricorda un incontro promosso nel 1973 dal prof. Baldessarelli Renzo di Pedersano e preside della scuola media di Laives avvenuto in un albergo di Cei, con intervento di varie autorità provinciali e comunali.
Negli anni ‘70 sono state effettuate feste campestri a Castellano e organizzato per 4 anni la “Castellana Pedicross” (dal 1974 al 1977) corsa a piedi non competitiva con partenza da Castellano giro attorno al Lago di Cei e ritorno attraverso la strada di Dajano.

Nel 1975 per la prima volta viene fatta la proposta di realizzare l’acquedotto a servizio della zona di Cei previa redazione di uno studio di fattibilità. Tale proposta prevedeva la realizzazione di un consorzio tra i comuni di Villa Lagarina e di Aldeno per la realizzazione e la gestione dell’impianto.
Nel 1978 la Pro Loco propone di realizzare una passeggiata attorno al lago di Cei con protezioni e passerella in legno. Sempre nel 1978 sono stati posati dei giochi nella zona di Cei e Bellaria.
Nel 1980 la Pro Loco realizza a Castellano il nuovo campo da tennis, gli spogliatoi ed il campo bocce. Sempre nel 1980 lungo la strada provinciale a Cei viene realizzato l’impianto di illuminazione pubblica.
Nel 1990 è stato realizzato il pieghevole illustrato a colori “Cei e dintorni”.
Nel corso del 1994 viene intonacato e tinteggiato il “Capitel de Doera “ con la posa della statua della Madonna e posizionate in diversi punti del territorio montano delle bacheche in legno con l’indicazione delle varie località (toponimi).
Nel corso dell’anno 1995 si tiene il primo concorso Balconi fioriti riproposto anche negli anni successivi fino ad oggi. Sempre nel 1995 sono stati acquistati dei pannelli espositivi da utilizzare per allestire le mostre di pittura o fotografiche che da quell’anno in poi diverranno un appuntamento fisso dell’estate. Nel 1996 sono state acquistate le luminarie natalizie.
In quegli anni la Pro Loco ha sempre collaborato all’organizzazione della Sagra del paese e organizzato durante il periodo estivo dei concerti sia al lago di Cei che a Castellano. Ha collaborato inoltre per alcuni anni all’organizzazione della “festa dell’ambiente” assieme all’associazione “Comenius”.

Nel 2001 con la nascita del gruppo “Don Zanolli”, che chiede e ottiene di far parte a tutti gli effetti della Pro Loco, e di occuparsi delle attività culturali (mostre, esposizioni, ricerche storiche, visite guidate, fotografie e documenti), l’associazione dà il via a uno slancio verso altri ambiti, come la partecipazione prima e la gestione diretta poi della manifestazione Castelfolk. La sezione culturale “Don Zanolli“ inizia a pubblicare nell’anno 2002 la rivista di ricerca storica “El paes de Castelam”.
Nell’anno 2005 è stato realizzato dalla prof.ssa Salvi Manuela il nuovo logo della Pro Loco. Nel 2006 su progetto del sig. Berlanda Mauro di Concei viene realizzata la plastigrafia raffigurante il territorio della Destra Adige.
Nel 2007 viene realizzato il sito Internet “www. castellano.tn.it”. Sempre nel corso del 2007 viene realizzato il pieghevole illustrato del territorio del nostro comune con delle indicazioni geografiche e storiche. Nel 2007 iniziano anche i lavori di risanamento del “Capitel dei Compei” che termineranno nella primavera del 2008 con successiva posa di una Madonna in legno realizzata dallo scultore Petri Egidio della Valle di Cembra. In questi anni la manifestazione estiva “Castelfolk” è cresciuta moltissimo sia in termini di proposta musicale che culturale divenendo uno degli appuntamenti estivi più importanti a livello provinciale. Nel corso dell’anno viene completamente rifatta la meridiana presente sulle facciate della canonica. Lo studio è stato fatto dal sig. Tavernini G. di Trento mentre il disegno dalla sig.ra Mattivi Giuliana. Durante la stagione estiva vengono regolarmente effettuate delle serate di intrattenimento musicale/teatrale e delle mostre espositive presso le ex scuole elementari.
Nel 2009 viene effettuata la pulizia del muro posto a sud del castello. Nel 2009 il circolo filatelico – numismatico di Villa Lagarina entra nella Pro Loco.
Nel 2010 alla Pro Loco, su richiesta dell’amministrazione comunale, è stata affidata la gestione dei Centri di lettura di Castellano e Pedersano. Da alcuni anni nel periodo estivo organizza delle passeggiate culturali (Camminatura). Dal 2011 organizza anche un concorso fotografico stagionale. Uno degli ultimi eventi di grande portata realizzato dall Pro Loco è "Castellano... tra passato e presente".


Grande soddisfazione per la nostra associazione, è stato il conferimento del “Premio Nazionale Francesco Dattini – 2010” da parte del comitato locale di Assisi ottenuto per la qualità della rivista culturale “El paes de Castelam” (guarda il video della premiazione). Concludiamo questa esposizione, che non vuole essere certamente esaustiva, con l’augurio che l’associazione possa assolvere anche nei prossimi anni a quell’importante funzione di promozione del territorio e valorizzazione delle risorse con lo scopo di produrre una crescita sociale e culturale dell’intera comunità.